Nascentdesign - Italian Brand AgencyNascentdesign - Italian Brand Agency
5 min reading
The Brand Dispatch

Febbraio 2022

   Futuro Apple: LIBERTÀ DI RIPARAZIONE

Apple ha annunciato il programma Self Service Repair, che consente ai clienti in grado di riparare i propri dispositivi di accedere a parti e strumenti originali Apple. Inizialmente disponibile per le linee di prodotti iPhone 12 e iPhone 13, e presto anche per i Mac di ultima generazione, il Self Service Repair sarà disponibile all'inizio del prossimo anno negli Stati Uniti. Verrà estesa ad altri Paesi nel corso del 2022.


Questa opzione si aggiunge ai 5.000 centri di assistenza autorizzati Apple e alle 2.800 aziende che fanno parte del programma Independent Repair Providers, che hanno già accesso a ricambi, strumenti e manuali originali. La fase iniziale del programma si concentra sulle parti per le quali i centri di assistenza vengono chiamati più di frequente, come il display dell'iPhone, la batteria e l'unità della fotocamera, ma l'esperienza di "riparazione self-service" di Apple crescerà di portata.


Rendere gli utenti più autonomi fa parte della strategia di innovazione del marchio Apple, che sta combattendo il crescente mercato dei prodotti non originali. Poiché la riparabilità gioca un ruolo importante nell'esperienza dei consumatori, Apple sta cercando di consolidare ulteriormente la sua vasta comunità permettendo agli utenti di essere sia creatori che utilizzatori dei loro dispositivi.

   FINTROPOLIS INSEGNA LA finanza IN MINECRAFT

È ormai noto che i tassi di alfabetizzazione finanziaria sono in calo negli Stati Uniti, dove meno di un terzo degli adulti di età compresa tra i 18 e i 54 anni è in grado di rispondere a domande di base relative alla finanza personale. La banca online Ally ha riconosciuto il problema insieme all'opportunità e ha creato una soluzione di "gioco" chiamata "Fintropolis" pensando all'innovazione del marchio. Poiché molti giovani sono abituati al Metaverso, Fintropolis simula scenari finanziari del mondo reale in pixel per aiutare a promuovere la pianificazione finanziaria tra le generazioni future.


Il gioco può essere esplorato tramite Minecraft, con personaggi che guidano i giocatori attraverso attività che vanno dalla comprensione del flusso di cassa e del budget all'apprendimento degli investimenti in azioni e titoli, del funzionamento delle tasse e dei mutui.


Destinato ai ragazzi delle scuole medie e ai loro insegnanti, Fintropolis ha il potenziale per dare a milioni di studenti le conoscenze e la fiducia necessarie per prendere decisioni migliori in materia di denaro, che possono profondamente influenzare la loro vita.


Mentre il Metaverso in generale è diventato un centro di socializzazione e intrattenimento per i giovani, Ally sta dimostrando come le piattaforme del Metaverso possano servire a uno scopo più profondo, educando e formando il pubblico e preparandolo all'indipendenza. Il caso di Fintropolis, in cui l'innovazione del marchio ha un impatto sociale, è un passo nella giusta direzione che tutti noi cerchiamo di seguire in un mondo di tecnologie e realtà virtuali in rapida evoluzione.

   Nessuno spreco è più cool

Il Single's Day, il Black Friday, i saldi imperdibili... Le persone vivono in una società che da decenni è guidata da un unico imperativo: un consumo sempre maggiore e dissennato. Ora che l'aggravarsi della crisi climatica e delle disuguaglianze diventa più evidente, le persone si stanno svegliando e si interrogano sugli impatti negativi dell'iperconsumo dilagante e sui costi e gli scopi delle loro abitudini. Con l'intensificarsi di queste preoccupazioni, le persone diventeranno più selettive e ci penseranno due volte prima di consumare.


Il consumo guida il cambiamento politico. Per un numero crescente di consumatori, un (non) acquisto è un voto a favore di una serie di valori specifici. Alcuni lo vedono come una forma di attivismo. L'acquisto – o la scelta di non acquistare – un prodotto o un servizio va oltre le questioni di usabilità e di esperienza. Si tratta di scegliere di essere allineati con lo scopo di un marchio. Se ieri il consumismo era guidato da esigenze individuali, domani il consumo sarà guidato da movimenti collettivi.


Patagonia è stata pioniera di questo stile di vita emergente. Dal 2011 lotta contro gli sprechi e il consumismo con la famosa campagna "Don't buy this Jacket", mentre oggi continua a invitare i suoi clienti a inviare all'azienda i capi inutilizzati affinché altri possano indossarli, in cambio di crediti spendibili sul loro e-commerce. Seguendo l'esempio di Patagonia, sono ormai sempre più numerosi i marchi che aderiscono alla filosofia del non-spreco.


Un altro fenomeno che ha conquistato e trainato decine di supermarchi è Loop. L'azienda produce solo imballaggi riutilizzabili e collabora con Mars, Nestlè, Coca Cola e molti altri colossi della grande distribuzione. Loop lavora a stretto contatto con i marchi per creare una versione più durevole dei loro tradizionali imballaggi monouso, da trattare come un bene e non come un costo da minimizzare. Perché è questo lo stile di vita a cui i consumatori aspirano: un futuro innovativo senza sprechi.

   Lasciate che l'Africa INFLUENZI IL MONDO DIGITALE

Wowzi, con sede in Kenya, è una startup che mette in contatto i marchi con gli influencer africani. Il piano aziendale prevede di aiutare oltre 1 milione di giovani a guadagnarsi da vivere utilizzando le loro piattaforme di social media nel prossimo anno.


In Africa orientale ci sono 20 milioni di utenti social e molti stanno cercando di sfruttare il potere che queste piattaforme offrono. "La gestione degli influencer è difficile: dalla creazione del contatto, alle trattative, alla stipula del contratto, alla garanzia che i contenuti vengano consegnati e pubblicati in tempo, fino al controllo dei pagamenti. È un lavoro impegnativo. Gestiamo l'intero processo insieme al brand per assicurarci che abbia successo", ha dichiarato Falla, uno dei fondatori di Wowzi. Invece di rivolgersi a un'agenzia, la piattaforma funge da intermediario diretto tra il marchio e l'influencer, cercando di sviluppare i processi di crescita sia dei marchi sia degli influencer.


Wowzi ha ottenuto nuovi finanziamenti per espandere la portata della sua piattaforma, che converte gli utenti dei social media in influencer di marca, nell'Africa occidentale e meridionale, in particolare in Ghana, Nigeria e Sudafrica, sfruttando il crescente utilizzo dei social media nel continente, alimentato dalla proliferazione degli smartphone e dalla crescente diffusione di Internet. I Paesi africani continuano a registrare un aumento del traffico internet rispetto al periodo precedente ai lockdown. Il continente sta vivendo anni di intenso fermento tecnologico e il mercato digitale sembra essere il futuro africano.

Gennaio 2022
Articolo Precedente
Gennaio 2022
Gennaio 2022
light